sfondo profilo -  architetto giovanni azzolina

Architetto

Giovanni Azzolina

Architettura - Design - Computer grafica

blog Architetto

km zero

Architettura, Design, Computer grafica è ciò che produco nel mio lavoro d'Architetto. Tecnica e pratica, progettazione e idee in continuo divenire..

 

Ristrutturare un tetto con struttura portante in legno.

Intervento di manutenzione straordinaria della copertura e dei muretti d’attico della Villa Filangeri a S.Flavia (PA).

 

Quando un tetto in legno di un edificio ha delle imperfezioni progettuali o incongruenze nella struttura che lo supporta e protegge i nodi vengono subito al pettine! In pochi anni dalla sua realizzazione si manifesteranno fenomeni di umidità, crepe sulla muratura portante, distacco d’intonaco, imbarcamento dei piani inclinati, deterioramento delle travi portanti e chi più ne ha più ne metta.

Nell’ esempio di ristrutturazione che riporterò di seguito, i danni più ingenti all’ edificio storico sono stati amplificati da un errato intervento di manutenzione operato intorno agli anni 70. L’operazione di risanamento prevedeva, oltre al ripristino del tetto in legno, l’inserimento di un cordolo in cemento armato nella sommità del perimetro della muratura, presumibilmente con l’intento di consolidare i versanti murari e incatenarli fra loro. Chi ha realizzato questo tipo di intervento, particolarmente invasivo, non ha tenuto in considerazione della discordanza di rigidità presente tra la muratura portante e il cemento armato e delle diversità macroscopiche di decadimento dei materiali stessi. Al dissesto del cordolo, caratterizzato da fenomeni di distacco di intonaco, espulsione degli strati di copri ferro, ossidazione e sgretolamento degli stessi ferri della struttura, ormai in bella mostra, si aggiungono gli effetti deleteri dell’ unione forzata tra cemento armato e  muratura portante costituita da conci di calcarenite; tale dissesto era cosi evidente che le strutture in aderenza sembravano quasi scollarsi provocando crepe e lacune sui muri portanti.

Particolare muretti del colmo tetto lato destroParticolare muretti del colmo  tetto lato sinistroImbarcamento su vari punti della  falda del tettoParticolare della grondaiaParticolare delle fessurazioni  cordolo - muraturaParticolare della disconnessione e rottura coppiFessurazioni causate da infiltrazioni acqua piovanaVista su falda con fenomeni imbarcamento tettoParticolare del distacco di marmette in cementoArmatura in bella vista del cordolo in c.a.Evidente stato di ammaloramento cordolo in c.a. Distacco di parti non coese al cordoloDismissione manto di copertura e copertina murettiParticolare del controsoffitto in cannucciatoAmmaloramento del tavolato di supporto coppiSfaldamento della testa di una trave in legno Particolare muretti del colmo  tetto lato destroParticolare muretti del colmo  tetto lato sinistroImbarcamento su vari punti della  falda del tettoParticolare della grondaiaParticolare delle fessurazioni  cordolo - muraturaParticolare della disconnessione e rottura coppiFessurazioni causate da infiltrazioni acqua piovanaVista su falda con fenomeni imbarcamento tettoParticolare del distacco di marmette in cementoArmatura in bella vista del cordolo in c.a.Evidente stato di ammaloramento cordolo in c.a.Distacco di parti non coese al cordoloDismissione manto di copertura e copertina murettiParticolare del controsoffitto in cannucciatoAmmaloramento del tavolato di supporto coppiSfaldamento della testa di una trave in legno1 - 16<>

 

Altro errore, d’esecuzione lavori, rilevato è stato inglobare le teste delle travi nei cordoli a diretto contatto con la malta cementizia senza alcuna protezione o altro isolamento. Le vecchie maestranze, i cosiddetti Mastri d’ascia,  quando inserivano  le travi nella muratura avevano l’accortezza di operare la carbolineatura o la catramatura delle parti del legno murate per evitare che infiltrazioni di acqua potessero farle marcire.

Oggi questi errori progettuali o d’esecuzione accadono sempre meno in quanto le nuove tecniche costruttive permettono  di utilizzare sistemi di assemblaggio ben collaudati, utilizzando materiali sempre più innovativi e solidari fra loro.

Altra causa di dissesto del tetto in un edificio al 99% è da imputare alle infiltrazioni di acqua piovana. Il deterioramento delle strutture lignee del tetto quali travi, arcarecci e tavolato, dovuto a tali infiltrazioni,  ha come conseguenza l’imbarcamento delle falde, segnale inequivocabile del cattivo stato di conservazione della struttura.

Nel caso in questione tali infiltrazioni, perpetratesi negli anni su tutto il fabbricato, sono state determinate da:

  • mancanza di uno strato di impermeabilizzazione sotto il manto di copertura
  • disconnessione e rottura di tegole
  • lacune presenti in  grondaie e pluviali
  • lesione delle copertine dei muretti d’attico.

 

Nel nuovo rimaneggiamento del tetto, curato da me nella direzione lavori, l’approccio progettuale è stato sicuramente più cauto, mirato al restauro e al ripristino delle parti strutturali, utilizzando, il più possibile, materiali costitutivi del corpo di fabbrica. Nello specifico si è cercato di annullare l’intervento deleterio degli anni settanta asportando materiali incoerenti alla storia e alle caratteristiche dell’edificio quali le copertine dei muretti d’attico rivestite di marmette cementizie e spianate di cemento, i pluviali e le grondaie in lamiera ormai deteriorate, cordoli in cemento armato, etc.

Orditura di supporto al tavolato e manto coperturaParticolare dell' estradosso del controsoffittoParticolare delle centine sostenute da cavi acciaioFase dismissione sostituzione tavolatoParticolare travi  ed estradosso controsoffittoRicostruzione cordolo in mattoni pressatiPosa di coibente termico e ondulina sotto coppoPosa coibente temico e copertina muretti d'atticoSistemazione manto copertura con posa coppi sicilianiVista tetto dopo ristrutturazioneParticolare delle falde del tetto ristrutturatoParticolare delle falde del tetto ristrutturato 02Particolare delle falde del tetto ristrutturato 03Orditura di supporto al tavolato e manto coperturaParticolare dell'estradosso del controsoffittoParticolare delle centine sostenute da cavi acciaioFase dismissione sostituzione tavolatoParticolare travi  ed estradosso controsoffittoRicostruzione cordolo in mattoni pressatiPosa di coibente termico e ondulina sotto coppoPosa coibente temico e copertina muretti d'atticoSistemazione manto copertura con posa coppiVista tetto dopo ristrutturazioneParticolare delle falde del tetto ristrutturatoParticolare delle falde del tetto ristrutturato 02Particolare delle falde del tetto ristrutturato 031 - 13<>

Il procedimento di demolizione e ricostruzione è stato particolarmente laborioso  in quanto il sottotetto dell’ edificio era costituito da controsoffitti in cannucciati decorati nell’ intradosso con malta di gesso e scagliola e sostenuti da centine di legno e cavetti in acciaio agganciati all’ orditura del tetto. La non praticabilità del sottotetto ha comportato  che le lavorazioni di ripristino degli elementi ammalorati venissero svolte tutte dall’ alto, utilizzando come piani d’appoggio le stesse tavole di supporto ai coppi e che le fasi di smantellamento fossero tutte strettamente collegate a quelle di ricostituzione.

 

Nello specifico il piano di lavoro è stato cosi modulato:

  • Allestimento Cantiere
    • Montaggio ponteggio.
  • Demolizione rimozione elementi copertura
    • Dismissione manto tegole vetuste.
    • Dismissione grondaia interna pertinente muretto d’attico versante prospetto principale.
    • Dismissione grondaia esterna prospiciente cortile interno edificio.
    • Dismissione tavolato vetusto.
    • Dismissione travi vetuste  ritenute non idonee dopo esame meccanico e  visivo.
  • Trattamento antiparassitario degli elementi strutturali in legno ( tavolato, capriate, travi).
  • Posa nuovo tavolato per appoggio coppi.
  • Rifacimento elementi pertinenti muretto d’attico
    • Demolizione copertina dei muretti d’attico.
    • Demolizione cordolo in cemento armato del corpo centrale dell’edificio.
    • Rimozione intonaci e rivestimenti vetusti muretti d’attico.
    • Ripristino cordolo precedentemente dismesso con  mattoni pressati.
    • Ripristino copertina dei muretti d’attico con mattonazzi giallo paglierino.
    • Ripristino intonaco ammalorato dei muretti d’attico
  • Posa barriera vapore (tessuto non tessuto).
  • Posa listelli legno e pannelli coibente termico.
  • Posa fogli impermeabilizzanti ondulina sotto coppo.
  • Posa nuovi coppi con schiuma poliuretana speciale adesiva per tegole.
  • Posa  nuova grondaia e pluviali in rame  prospicienti cortile interno edificio.
  • Posa grondaia interna in lamiera zincata pertinente muretto d’attico versante prospetto principale.
  • Smobilizzo del cantiere
    • Smontaggio Ponteggio.

 

I lavori sopra elencati sono stati eseguiti, per carenza di risorse dell’ ente appaltante, nell’ambito dei cantieri lavoro finanziati da fondi della regione Sicilia; il cantiere ha avuto una durata di 66 giorni lavorativi consecutivi e si è avvalso di n.16 allievi operai, n.1 Direttore Cantiere, n.1 Istruttore, n.2 operai qualificati. L’importo dell’opera comprensivi manodopera, materiali, servizi e oneri vari è stata di € 107.594,62. La superficie del manto di copertura  ricostruito ( progetto - stralcio n.3) è stata di circa 120 mq.

 

 

 

Pubblicato  e scritto da Arch. Giovanni Azzolina

Palermo, mercoledì 20  Maggio 2016

 

twitter - Architetto Giovanni Azzolina Facebook - Architetto Giovanni Azzolina Google +  - Architetto Giovanni Azzolina houzz - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo Linkedin - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo

Sito Ufficiale  - Architetto  Giovanni Azzolina -

Ordine degli Architetti di Palermo  N.4832  Architettura - Design - Computer grafica -

 Pratiche edilizie  - P.iva 06086600829

Logo design - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo

Informazione contatto

Indirizzo: Via Ugo Antonio 70, 90123,

 Palermo, Sicilia, Italia.

 

E-mail info@architettokmzero.it

 

Cell. +39 3204065917

Grafica e contenuti © 2015Architetto Giovanni Azzolina -  N.4832 appcpa - Tutti i diritti riservati.

Condizioni generali - Privacy

twitter - Architetto Giovanni Azzolina Facebook - Architetto Giovanni Azzolina Google +  - Architetto Giovanni Azzolina houzz - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo Linkedin - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo
sfondo profilo -  architetto giovanni azzolina

Particolare muretti del colmo tetto lato destroParticolare muretti del colmo  tetto lato sinistroImbarcamento su vari punti della  falda del tettoParticolare della grondaiaParticolare delle fessurazioni  cordolo - muraturaParticolare della disconnessione e rottura coppiFessurazioni causate da infiltrazioni acqua piovanaVista su falda con fenomeni imbarcamento tettoParticolare del distacco di marmette in cementoArmatura in bella vista del cordolo in c.a.Evidente stato di ammaloramento cordolo in c.a. Distacco di parti non coese al cordoloDismissione manto di copertura e copertina murettiParticolare del controsoffitto in cannucciatoAmmaloramento del tavolato di supporto coppiSfaldamento della testa di una trave in legno

Orditura di supporto al tavolato e manto coperturaParticolare dell' estradosso del controsoffittoParticolare delle centine sostenute da cavi acciaioFase dismissione sostituzione tavolatoParticolare travi  ed estradosso controsoffittoRicostruzione cordolo in mattoni pressatiPosa di coibente termico e ondulina sotto coppoPosa coibente temico e copertina muretti d'atticoSistemazione manto copertura con posa coppi sicilianiVista tetto dopo ristrutturazioneParticolare delle falde del tetto ristrutturatoParticolare delle falde del tetto ristrutturato 02Particolare delle falde del tetto ristrutturato 03

sfondo profilo -  architetto giovanni azzolina

Particolare muretti del colmo tetto lato destroParticolare muretti del colmo  tetto lato sinistroImbarcamento su vari punti della  falda del tettoParticolare della grondaiaParticolare delle fessurazioni  cordolo - muraturaParticolare della disconnessione e rottura coppiFessurazioni causate da infiltrazioni acqua piovanaVista su falda con fenomeni imbarcamento tettoParticolare del distacco di marmette in cementoArmatura in bella vista del cordolo in c.a.Evidente stato di ammaloramento cordolo in c.a. Distacco di parti non coese al cordoloDismissione manto di copertura e copertina murettiParticolare del controsoffitto in cannucciatoAmmaloramento del tavolato di supporto coppiSfaldamento della testa di una trave in legno

Orditura di supporto al tavolato e manto coperturaParticolare dell' estradosso del controsoffittoParticolare delle centine sostenute da cavi acciaioFase dismissione sostituzione tavolatoParticolare travi  ed estradosso controsoffittoRicostruzione cordolo in mattoni pressatiPosa di coibente termico e ondulina sotto coppoPosa coibente temico e copertina muretti d'atticoSistemazione manto copertura con posa coppi sicilianiVista tetto dopo ristrutturazioneParticolare delle falde del tetto ristrutturatoParticolare delle falde del tetto ristrutturato 02Particolare delle falde del tetto ristrutturato 03

Logo design - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo
sfondo profilo -  architetto giovanni azzolina

Particolare muretti del colmo tetto lato destroParticolare muretti del colmo  tetto lato sinistroImbarcamento su vari punti della  falda del tettoParticolare della grondaiaParticolare delle fessurazioni  cordolo - muraturaParticolare della disconnessione e rottura coppiFessurazioni causate da infiltrazioni acqua piovanaVista su falda con fenomeni imbarcamento tettoParticolare del distacco di marmette in cementoArmatura in bella vista del cordolo in c.a.Evidente stato di ammaloramento cordolo in c.a. Distacco di parti non coese al cordoloDismissione manto di copertura e copertina murettiParticolare del controsoffitto in cannucciatoAmmaloramento del tavolato di supporto coppiSfaldamento della testa di una trave in legno

Orditura di supporto al tavolato e manto coperturaParticolare dell' estradosso del controsoffittoParticolare delle centine sostenute da cavi acciaioFase dismissione sostituzione tavolatoParticolare travi  ed estradosso controsoffittoRicostruzione cordolo in mattoni pressatiPosa di coibente termico e ondulina sotto coppoPosa coibente temico e copertina muretti d'atticoSistemazione manto copertura con posa coppi sicilianiVista tetto dopo ristrutturazioneParticolare delle falde del tetto ristrutturatoParticolare delle falde del tetto ristrutturato 02Particolare delle falde del tetto ristrutturato 03

twitter - Architetto Giovanni Azzolina Facebook - Architetto Giovanni Azzolina Google +  - Architetto Giovanni Azzolina houzz - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo Linkedin - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo
Logo design - Architetto Giovanni Azzolina - Palermo